//

Catania, Natale e 'carità pelosa'

2 mins read

Generosi eventi natalizi un po’ ovunque in questi giorni nella nostra città. Sarà che qualcuno vuole appendere medaglie di solidarietà alla propria casacca? O che i nostri amministratori, sindaco in testa, vogliono trasformare ogni iniziativa in passerella? O dimostrare di essere in possesso del dono dell’ubiquità, presenti sempre e dovunque si stia verificando qualcosa di “buono”?
Prendiamo in considerazione, per cominciare, i “pranzi dei poveri”, ghettizzazione rituale, spesso consumata in chiesa, notorio spazio di divertimento da secoli, oltre che luogo frequentato con entusiasmo dai musulmani…
Perchè non portali piuttosto in pizzeria o in un agriturismo dove verrebbero “serviti” da chi è deputato a farlo per mestiere e non da chi recita questa parte un paio di volte l’anno? Perchè non sederci accanto a loro, scherzando con loro, ridendo con loro, condividendo storie come vecchi amici senza creare la solita divisione tra donatore e destinatario del dono?
Ci sono poi le inaugurazioni di oratori e centri di aggregazione, organizzate ad “orologeria” (direbbe Papa Francesco, come le apparizioni), e perciò quantomeno sospette.
E non mancano i soliti riti con “pie” dame e cavalieri di triste memoria, ammantati di ermellino.
Quanto ai panettoni, renderanno finalmente felici e gioiosi i detenuti, soprattutto per l’originalità e la sorpresa, meglio di qualsiasi altra iniziativa di trattamento e rieducazione. I detenuti stessi potranno regalarli ai propri familiari che resteranno scioccati per la fantasia e la novità del dono.
I bambini “poveri” avranno i loro giocattoli, quasi sempre usati affinchè sia loro ben chiaro che sono “poveri”. Tanti porta-colori con matite smozzicate e il nome del bambino primo proprietario ben scritto in evidenza, zaini costosissimi e multicolori sempre coi nomi scritti, ovviamente di altri bambini più fortunati, puzzle in cui mancano “soltanto poche tessere”, costruzioni in cui manca “qualche pezzo” e scacchi in cui manca “solo” la torre, …e così via in una triste litania.
Mai che qualcuno regali dei biglietti gratis per il circo o per il cinema o per un concerto elitario con inarrivabili prezzi per ricchi, o dei buoni-acquisto, o schede telefoniche o ricariche, o abbonamenti a palestre.
Qualcuno lo ha fatto ed è stata una festa! Ha portato come regalo, per un tombola, alcuni buoni acquisto da 10 euro da spendere in un negozio cittadino, consentendo ad un migrante, o ad un ‘povero’, di entrare in quel negozio e comprare, da protagonista.
Ancora: sulla base di cosa vengono scelte le priorità? Perchè, ad esempio, non inaugurare dormitori o docce che sarebbero utilissimi piuttosto che chiudere le docce e privilegiare cucine fiammanti, bellissime? Di un’ennesima mensa a Catania, oltre a quella storica delle suore di Madre Teresa e tante piccole altre, si sentiva davvero particolare bisogno?
Non vorremmo che la logica che sottende queste scelte sia quella di intercettare non tanto il bisogno quanto i fondi “per”. Oppure piazzare volontari-benefattori o – nella peggiore delle ipotesi – liberarsi gli armadi, sgombrare le stanze dei bambini e crearsi l’alibi per nuovi acquisti.
Quanto all’IBAN che compare in fondo a qualunque articolo di giornale che esalti queste opere meritorie, non vorremmo interpretarlo come un piccolo ricatto, più o meno velato, di chiusura per mancanza di fondi.
Ben vengano allora i gesti di solidarietà e di condivisione ma compiuti senza pubblicità, in modo che la mano destra non sappia quello che fa la sinistra.

Lascia un commento

Latest from Chiesa

Buona Pasqua?

Bombe, morte, massacri, armi, tante armi. Queste le parole che risuonano continuamente attorno a noi e