/

Catania piange quei sei morti che vengono da lontano

1 min read

foto: Repubblica.it

Per mercoledì 14 agosto l’amministrazione comunale ha proclamato il lutto cittadino per commemorare i sei migranti morti in mare a poca distanza dalla battigia della Playa di Catania.
Un gesto “di grande civiltà che fa onore alla città di Catania”, dichiara in un comunicato Catania Bene Comune, che – insieme alla Rete antirazzista catanese, all’Arci Catania e al Collettivo Politico Experia – lo aveva espressamente richiesto, sollecitando anche che ci si facesse carico dei funerali e si offrisse “un’accoglienza dignitosa ai migranti”, senza operare nessun rimpratio
Catania Bene Comune chiede contestualmente anche che si faccia chiarezza sul destino dei migranti sopravvissuti alla tragedia, “momentaneamente trattenuti all’interno della capitaneria di Porto di Catania dove gli attivisti di diverse associazioni, organizzazioni e comuni cittadini, sono presenti per accertare che i loro diritti vengano tutelati”.
Anche l‘Osservatorio su Catania ha espresso, con un proprio comunicato, solidarietà ai migranti chiedendo all’amministrazione “di fare vere politiche di accoglienza” a partire appunto dalla proclamazione del lutto cittadino e sottolineando come questi episodi siano “le vere tragedie dei nostri tempi, frutto di anni di rapine consumate ai danni delle regioni più povere , di politiche di respingimenti, di criminalizzazioni, di leggi inumane”.
Inevitabile, in tutte le dichiarazioni di queste associazioni e gruppi politici il riferimento, per contrasto, all’arrivo delle tre navi da crociera su cui, come leggiamo nel comunicato dell’Osservatorio, “il quotidiano locale, in questi giorni, spreca inchiostro con pagine intere dedicate” mentre “il Sindaco crea un evento sulla notizia. Un atteggiamento provinciale da cui istituzioni e media non riescono a staccarsi”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Gli ultimi articoli - Eventi

Abolire i CPR

Una sigla sconosciuta per molti, con la quale si indicano i Centri di Permanenza per i

Catania per la Palestina

Un’enorme bandiera palestinese scende da un balcone del complesso universitario dei Benedettini, sino a terra. E’

Primo maggio 2024

Rispetto al 2015 nulla è cambiato. Le morti sul lavoro sono anzi cresciute. Non dimentichiamo la