/

Berlusconi presidente, no grazie

2 mins read

Anche Catania si mobilita per dire no a Berlusconi presidente della Repubblica. Promuove un comitato creato ad hoc: “Comitato spontaneo di cittadine e cittadini per la Repubblica”.

Appuntamento domenica 23 gennaio alle ore 9,30 in piazza Falcone, terreno sottratto alla mafia.

Tante le ragioni, come emerge dall’intervento di Enzo Guarnera, pubblicato su Argo, e dal Comunicato diffuso da CittàInsieme, che trovate di seguito

Quosque tandem abutere patientia nostra? Credevamo di essercene liberati e invece non se n’era mai andato!

Si è proposto addirittura per la carica di Presidente della Repubblica senza alcun timore, vergogna, paura di urtare il minimo senso della decenza. Ed ha avuto ragione! Non una voce dalla società “civile” si è levata convintamente contro. Non una voce decisamente contraria abbiamo sentito dalla classe politica.

Berlusconi ha ottenuto dai suoi alleati di centro destra il sì alla sua candidatura. Non ce ne meravigliamo, considerando lo strapotere mediatico che potrebbe ritorcersi contro chiunque di loro avesse avuto il coraggio di opporsi al suo intento o quantomeno sollevare la più timida obiezione. Non ci meravigliamo nemmeno degli imbarazzi del centrosinistra, perché abbiamo ancora un po’ di memoria e sappiamo bene che esiste un debito di “riconoscenza” nei confronti di Berlusconi il quale, in ben quattro occasioni negli ultimi dieci anni, ha reso possibile la nascita di maggioranze di governo altrimenti impensabili: Governo Monti, Governo Letta, il cd. “Patto del Nazareno” e, adesso, il Governo Draghi.

Ci meravigliamo invece del silenzio dei cittadini comuni. Ci saremmo aspettati un moto di indignazione verso una proposta che, a chi ha un po’ di memoria di quanto accaduto negli ultimi 30 anni in Italia, rappresenta un oltraggio alle Istituzioni democratiche del nostro Paese. Da alcuni ci viene risposto che Berlusconi non ha alcuna chance di essere eletto Capo dello Stato e che quindi la notizia non merita di essere commentata; altri aggiungono che la sua è una tattica per accreditarsi come ‘kingmaker’ delle elezioni Presidenziali e rendere digeribile, scampato il pericolo della sua elezione, il vero nome che ha in mente per quella carica.

Noi riteniamo invece che, al di là delle astuzie comunicative e dei giochi di palazzo, l’indignazione dovrebbe (o avrebbe dovuto) sollevarsi nei confronti dell’idea stessa di potere ritenere accettabile, dignitoso, pronunciare il suo nome per il ruolo di primo cittadino d’Italia. Ma, a pensarci bene, non ci meravigliamo neanche di questo, perché il tempo presente nasce da una lunghissima stagione di desolazione politica, corruzione morale e malcostume che anche lui, coi suoi mezzi di informazione e con i suoi comportamenti pubblici e privati, ha concorso in maniera determinante a creare.

Ciò che riteniamo gravissimo non è che un ultraottantenne con un lungo curriculum giudiziario, una condanna definitiva per frode fiscale, l’affiliazione alla P2 e un’indagine in corso per le stragi del ’93, abbia il desiderio di accreditarsi come potenziale Capo di Stato. Ma che alla maggior parte degli italiani tutto questo vada bene, sia normale, non meriti uno straccio di approfondimento, di dibattito, di obiezione, di riflessione.

Ci appelliamo a chi ha ancora voglia di indignarsi. Si unisca a noi per fare in modo che il vizio della memoria, il coraggio della parola, la speranza di un Paese migliore non si spengano definitivamente condannando le menti migliori dei nostri giovani a considerare l’emigrazione l’unica via possibile per una vita normale.

1 Comment

  1. Contraddittorio il vs. articolo, laddove l’incipit divulga l’organizzazione di una manifestazione di un comitato di cittadini e cittadine appositamente creato per dare voce alla protesta della Società civile contro la sola idea di candidare un pregiudicato, colluso con la mafia, avvelenatore dei pozzi della più elementare etica sociale negli ultimi 30anni (almeno) alla più alta carica dello Stato che si terrà domani, domenica 23 a Piazza Falcone ed il testo dello stesso articolo, dove ci si scaglia contro l’abulia della società civile che accetterebbe passivamente, ormai, qualsiasi schifezza politica sena accennare alla minima reazione.
    Se tale testo viene fuori da Cittainsieme, forse sarebbe il caso che si mettessero d’accordo con il loro presidente, Salvatore Resca che è stato il principale promotore del nostro comitato.
    Vi abbiamo mandato nel corso della presente settimana il nostro comunicato in cui annunciavamo la manifestazione di domenica e approfondivamo i motivi storici, politici, sociali e morali che ci avevano spinto a farlo, ma forse vi è sfuggito.
    Comunque, essendo interessati alle cose da fare e non ad infilarci in baruffe alla polli di Renzo, vi aspettiamo tutti domani, domenica a Piazza Falcone, dalle 9.30 in poi.
    La posta in gioco è terribilmente importante.

Lascia un commento

Latest from Eventi

Torniamo subito

Ci avviciniamo ai 15 anni, un traguardo importante per un blog come il nostro. Senza presunzione,