/

Permessi di soggiorno, non sanatorie truffa

1 min read

vai alla galleria foto di A Dionisi

Cresce a Catania la mobilitazione di migranti e associazioni antirazziste contro la sanatoria – truffa. Dopo l’importante manifestazione del 18 novembre, venerdì 26 oltre 2000 partecipanti (in gran parte provenienti da Bangladesh, India, Senegal, Marocco e Tunisia) hanno sfilato in corteo dalla Villa Bellini alla Prefettura, per poi giungere in Piazza Università, dove ogni comunità è intervenuta nella propria lingua per illustrare la piattaforma di lotta e definire gli impegni futuri.
Una delegazione, composta dai rappresentanti di tutte le comunità e da esponenti delle associazioni antirazziste catanesi, è stata ricevuta in Prefettura, mentre il resto del corteo, in attesa che finisse l’incontro, ha improvvisato un sit in con relativa assemblea che è servito, anche, a informare i tanti cittadini incuriositi da una presenza così ampia e variegata.
Dato lo straordinario numero di partecipanti, i rappresentanti dello stato non hanno negato la possibilità, come riferisce la Rete Antirazzista Catanese, “di costituire un tavolo permanente istituzionale per discutere, sia sugli aspetti politico-generali, che su quelli tecnico-giuridici al fine di sbloccare la condizione di circa 1500 regolarizzandi su 2500 richieste di ‘emersione’ a Catania”.
Questi i punti fondamentali della piattaforma presentata al Prefetto di Catania:

  1. rilascio del permesso di soggiorno per chi ha partecipato alla “sanatoria truffa” ed estensione generalizzata della regolarizzazione a tutte le tipologie di contratto e di lavoro autonomo;
  2. prolungamento del permesso di soggiorno per chi ha perso il lavoro;
  3. rilascio del permesso di soggiorno per chi denuncia il datore di lavoro in nero o lo sfruttamento sul lavoro;
  4. ritiro della circolare “Manganelli”;
  5. potenziamento dello Sportello Unico sull’Immigrazione e blocco dei licenziamenti;
  6. rispetto dei tempi di legge per il rinnovo dei permessi di soggiorno e decorrenza degli stessi a partire dalla data di rilascio e non della richiesta;
  7. trasferimento agli Enti Locali del disbrigo delle pratiche per il rinnovo del Permesso di Soggiorno.

Martedì 30/11 alle 19 nella sede dei Cobas in via Caltanissetta 4 riunione di migranti e forze antirazziste catanesi per concordare nuove forme di mobilitazione.
Servizio fotografico di Alberta Dionisi

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Eventi

Torniamo subito

Ci avviciniamo ai 15 anni, un traguardo importante per un blog come il nostro. Senza presunzione,