/

Nella badia di Sant'Agata insieme musulmani e cristiani

1 min read

La bellissima Badia di S.Agata lo scorso sabato pomeriggio era gremita. I ‘Focolarini‘ organizzatori dell’evento si affannavano ad aggiungere sedie man mano che la gente continuava ad arrivare.
Tante, tantissime donne velate di tutte le età con molti bambini incredibilmente silenziosi e tranquilli, quasi tutti tenuti per mano dalle loro mamme. Sono rimasti buoni e quieti anche durante le proiezioni dei discorsi di Chiara Lubich (quello famoso alla Moschea di New York, unica donna che abbia avuto questo privilegio), purtroppo poco comprensibili forse a causa della difficile acustica della chiesa.

E poi al microfono le testimonianze dei ragazzi musulmani, il commosso ringraziamento dell’Imam Keith Abdelhafid, presidente della Comunità Islamica di Sicilia, per tutto quello che i Focolari, ma non soltanto loro, fanno per i musulmani.
Ad essersi impegnati nell’accoglienza, a molti livelli, sono stati anche la comunità di S. Egidio, il Centro Astalli, i Valdesi e altre comunità protestanti, gli Ortodossi. Doposcuola, visite pediatriche e farmaci per i bambini, reperimento di capi di vestiario necessari, ospitalità. Ognuno ha fatto qualcosa.
A tutti costoro sono andate le espressioni di gratitudine per la straordinaria capacità di accoglienza, di integrazione, di vera amicizia, soprattutto durante e dopo l’emergenza dell’arrivo dei Siriani, che continuano ancora oggi ad arrivare, e ad essere accolti.
Espressioni di gratitudine che hanno toccato e fatto toccare punte di commozione. “Ci siamo sentiti accolti, rispettati – ha detto una ragazza molto giovane – abbiamo visto rispettate le usanze e i dettami della nostra religione, fin nelle prescrizioni che riguardano l’alimentazione, e siamo stati aiutati ad osservare le nostre feste religiose”. Tutti gesti importanti che i Focolari hanno saputo offrire alle persone di cui hanno deciso di prendersi cura.
Dalla chiesa, dopo la messa, gli intervenuti si sono spostati alla moschea per condividere cibi e racconti.
Nessuna autoreferenzialità, nessuna celebrazione della propria bravura, niente giornalisti, niente telecamere. Magnifica preghiera interconfessionale.

Lascia un commento

Latest from Chiesa

Buona Pasqua?

Bombe, morte, massacri, armi, tante armi. Queste le parole che risuonano continuamente attorno a noi e