Pippo Fava ai ragazzi, quindici giorni prima di morire

1 min read

A 30 anni dalla morte di Giuseppe Fava, giornalista, scrittore, drammaturgo, sceneggiatore siciliano, Argo ripropone un filmato quasi inedito, di cui solo una piccola parte è stata inserita nel docufilm “I ragazzi di Pippo Fava”. E’ il discorso fatto da Fava agli studenti di Palazzolo Acreide nel dicembre del 1983, quindici giorni prima di essere ucciso, sul tema “Violenza e mafia, i giovani e la scuola contro”.
Una sorta di testamento visto che, pochi giorni dopo, il 5 gennaio del 1984, Giuseppe Fava, direttore de Il giornale del Sud e poi del mensile I Siciliani, veniva raggiunto dai proiettili esplosi dalle armi di Aldo Ercolano e Maurizio Avola, della famiglia mafiosa di Nitto Santapaola.
Il giornalista, con la schiettezza che gli era congeniale, dice ai ragazzi “Noi siciliani siamo tutti mafiosi. La mafia ce la portiamo dentro da sempre.” Ma contrastare la mafia per Fava è lottare contro la miseria, lottare per la giustizia sociale. Ed anche contro i politici corrotti. “Mandate in Parlamento- li esortò- solo persone sulla cui onestà potete giurare”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Gli ultimi articoli - Mafia

Welfare mafioso

Crisi economica e pandemia hanno fatto crescere disoccupazione e povertà anche nel cosiddetto ‘mondo occidentale’. In