/

Costituzione e Lavoro al tempo della globalizzazione

Di Costituzione e Lavoro si è parlato lo scorso 20 aprile, in un incontro/dibattito organizzato congiuntamente dal Coordinamento per la democrazia costituzionale di Catania e dalla Camera del Lavoro CGIL di Catania. Dopo aver sottolineato l’importanza del tema lavoro nel

/

Giovanni Orcel, il recupero della memoria

Giovanni Orcel, chi era costui? Pochi lo ricordano, ben venga dunque la richiesta della CGIL e delle Fiom di intitolargli la piazzetta antistante i Cantieri Navali di Palermo, quegli stessi cantieri che all’inizio di settembre del 1920 furono occupati dagli operai, in

/

CGIL e Libera contro un 'paradosso di legalità'

Perché le aziende confiscate alla mafia non solo non decollano ma spesso falliscono? Contro questo paradosso di legalità occorre invertire la tendenza, facendo sì che i lavoratori siano tutelati e valorizzando altresì il potenziale delle imprese ormai libere dalle imposizioni della criminalità.

Nascita e morte di un lavoratore a progetto

Giovani e lavoro, un binomio difficile oggi in Sicilia, quasi impossibile. Ce lo conferma la  testimonianza di Gianfranco, uno studente universitario che ha fatto l’esperienza del lavoro a progetto, conclusa dal licenziamento. Per lui, che vive ancora in famiglia, non ci sono state

/

Alla ricerca di un altro comunismo

Su iniziativa di Cronache Marxiane, un ‘giovane’ collettivo (per ragioni anagrafiche dei componenti e per la recente costituzione), venerdì 1 marzo a Catania è stato presentato il libro “Alla ricerca di un altro comunismo”, Il Saggiatore. Una raccolta di saggi e interventi

Catania Città Aperta, obiettivi o chimere?

Catania Città Aperta – Laboratorio per cambiare si era ‘presentata’, in un’affollata assemblea di febbraio 2012, con l’obiettivo di stimolare una riflessione sui problemi della Città, incentivare i processi di partecipazione e individuare modalità di intervento in grado di rivitalizzare, a partire

/

Ministro Passera, a che età finisce la giovinezza?

Generazione bruciata, perduta, quella dei trentenni? Se lo è lasciato sfuggire anche il ministro dello sviluppo economico. Ma i giovani che hanno quell’età, o ad essa si avvicinano, non hanno bisogno di dichiarazioni nè di successive smentite. Il problema lo vivono sulla

Carcere minorile, la scommessa del reinserimento

La scommessa non è solo offrire ai ragazzi del carcere minorile esperienze interessanti e formative che siano una sorta di risarcimento per quello che molti di loro non hanno mai avuto. Questo all’IPM di Catania già si fa e Argo ne ha